A Sorrento la decima edizione di “Incontri di Vini e Sapori Campani”

Vini2019

SORRENTO – Da Venerdì 20 a domenica 22 settembre Villa Fiorentino ospita la decima edizione della manifestazione enogastronomica “Incontri di Vini e Sapori Campani”. La kermesse è organizzata dall’associazione Cryteria Project con il patrocinio della Città di Sorrento e rappresenta l’ultimo appuntamento della Summertime 2019, il ricco cartellone di eventi estivi promosso dalla Fondazione Sorrento.
Nel corso del weekend prevista l’esposizione, con immancabile assaggio, di prodotti di nicchia, degustazioni di vini guidate da esperti sommelier ed anche la preparazione di piatti di territorio da parte di affermati chef della penisola sorrentina. Ad accompagnare le delizie per il palato in programma mostre e spettacoli musicali.
Incontri di Vini e Sapori Campani aprirà con l’inaugurazione dell’esposizione fotografica “Luci e colori dell’America Latina” di Umberto Astarita, alla quale sarà affiancato un angolo di degustazione cubano, per un momento di incontro tra l’Avana e Napoli. Lo chef della prima e della seconda serata, Carlo Matarese del ristorante “La Scintilla” del Grand Hotel Cocumella, proporrà due piatti della tradizione: il ragù napoletano con candele spezzate e caciotta e una zuppa di legumi con biscotto di Agerola. I legumi sono quelli della nota azienda di Michele Ferrante di Controne. Ad intrattenere i visitatori sarà il gruppo Zero DB Band che si esibirà in un concerto live.
Sabato 21 settembre, dalle ore 19.30, si svolgerà la degustazione condotta dall’Ais Campania-Delegazione Penisola Sorrentina “Frizzante, secco o fermo?”, con assaggio di una bollicina, di un bianco e di un rosso, rigorosamente campani, abbinati per assonanza o contrasto a prodotti locali e non. A seguire l’esibizione dei NapulArmunia di Fulvio Palmieri con il loro repertorio di musica napoletana, dal 1200 ad oggi.
Domenica l’evento chiuderà con un ospite d’eccezione, ovvero lo chef Giuseppe Aversa del ristorante stellato “Il Buco” che delizierà il palato dei partecipanti con un piatto a sorpresa. Tutte le sere gli chef del ristorante “La Terrazza delle Sirene” del Circolo dei Forestieri e del “Tico Tico” prepareranno gustosi “cuoppi” gluten free.
Tra le aziende presenti la Solagri, con il limone ovale di Sorrento e le marmellate agli agrumi e gli oli aromatizzati, l’azienda vitivinicola Moio di Mondragone, la Fiammante e Rosso Vesuvio con le passate e i pomodorini del piennolo, l’azienda vinicola Tenuta Augustea della famiglia Nocerino di Somma Vesuviana, la giovane azienda sorrentina Riviera dei Limoni con il limoncello e molte altre realtà provenienti anche da altre regioni italiane.
In degustazione i vini de La Guardiense, la pasta Garofalo, l’olio Torretta, i sottoli D’Amico, i vini Lauranti ospiti dell’azienda di forniture alimentari Zurino e i vini di una delegazione di aziende di Taurasi, a suggellare il gemellaggio firmato nel 2017 tra il comune irpino e la città del Tasso.
La manifestazione di Sorrento è vicina anche al tema dell’agricoltura sostenibile a ridotto impatto ambientale e per questo accoglie PTA Green Way. Tra gli sponsor dell’evento UnipolSai presente con un suo spazio informativo.
“Con la decima edizione di Incontri di Vini e Sapori Campani si chiude l’edizione 2019 della Summertime – commenta l’amministratore delegato della Fondazione Sorrento, Gaetano Milano -. Una rassegna che dai primi di luglio e per tutta l’estate ha riscosso un grande successo tra i sorrentini ed i turisti grazie alla varietà dell’offerta che ha spaziato tra la musica napoletana e quella classica, dal cabaret alla letteratura. Diamo a tutti appuntamento all’estate 2020 senza dimenticare che la Fondazione Sorrento organizza grandi eventi in tutto l’arco dell’anno. Nelle nostre sale, infatti, si può ancora visitare la mostra dedicata al genio di Henri Matisse che sarà aperta fino al prossimo 20 ottobre, mentre siamo già al lavoro per le prossime iniziative”.
La rassegna Incontri di Vini e Sapori Campani è ad ingresso gratuito, però è previsto il pagamento di un ticket per le degustazioni.

Stampa