Laboratori di Analisi Cliniche: Longobardi, slitta la scadenza del 30 giugno

alfonso-longobardiNAPOLI – Sulla scadenza del 30 giugno prevista per l’accorpamento delle strutture sanitarie è intervenuto il Vice Presidente della Giunta Regionale della Campania Fulvio Bonavitacola per rispondere a un’interrogazione del consigliere Alfonso Longobardi che ha dichiarato: “Ringrazio il Vicepresidente Bonavitacola per la risposta concreta e risolutiva alla mia interrogazione-question time sull’aggregazione dei laboratori di analisi cliniche. Lo slittamento della scadenza del 30 giugno, che imponeva l’accorpamento delle strutture sanitarie, è molto importante per dare serenità a lavoratori e operatori sanitari.
Con il Ministero della Salute, giustamente e correttamente, la Struttura Commissariale Sanità in Campania ha aperto un tavolo per giungere a definire se può essere autorizzato il “Contratto di Rete“. Si tratta di un innovativa forma di aggregazione, prevista dal codice civile, che se applicata sul nostro territorio consentirebbe di salvare almeno 3mila posti di lavoro, tra operatori diretti e l’indotto del settore.
Il coinvolgimento del Ministero della Salute è necessario e doveroso visto che le Aggregazione dei laboratori sono previste da normative nazionali risalenti al 2011 e sono frutto di scelte avallate anche dalla Conferenza Stato-Regioni. E’ dunque molto importante che la Regione si confronti con il Governo centrale per dare una risposta definitiva e che non genera alcun problema ai laboratori di analisi cliniche.
Ribadisco ancora una volta che la nostra priorità e salvaguardare i livelli occupazionali perché bisogna in tutti i modi tutelare i lavoratori, gli operatori, le strutture presenti in Campania che da sempre garantiscono buona assistenza e prestazioni appropriate”.

Stampa