Truffa e maltrattamenti di animali. Arrestati a Ragusa due allevatori

Carabinieri Nas Ragusa
Carabinieri Nas Ragusa

I Carabinieri del NAS di Ragusa, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Gela (CL) – Sost.

Proc. Dott.ssa Elisa Calanducci – in collaborazione con militari dell’Arma territoriale e su disposizione del GIP del Tribunale, hanno arrestato due coniugi (uno in carcere ed uno ai domiciliari) titolari di un allevamento di pecore e capre di Mazzarino (CL), responsabili di maltrattamento di animali, violazione di sigilli, falso, truffa aggravata e ricettazione.

L’attività investigativa ha permesso di accertare che gli arrestati, già condannati nel 2010 per gli stessi illeciti, violavano più volte le norme veterinarie per il risanamento dalla brucellosi (malattia infettiva – pericolosa anche per l’uomo – della quale l’allevamento risulta infetto sin dal 2005) avviando Cialis 10mg alla macellazione, al posto dei capi malati, animali sani ma di valore inferiore non più produttivi, di ignota provenienza o smarriti da altri allevamenti ed avanzando – poi – domanda alla Regione per ottenere indebitamente gli indennizzi per l’abbattimento.

La sostituzione del bestiame comportava veri e propri maltrattamenti ed avveniva mediante lo scambio delle marche identificative degli animali affetti da brucellosi con quelle di capi sani (pratica che in diverse occasioni ha anche causato il taglio dell’intero padiglione auricolare) e la forzata ingestione di bulloni metallici, al fine di simulare la presenza del microchip di identificazione, che normalmente è collocato, dai medici veterinari, nell’apparato gastrico. Le indagini hanno consentito di sequestrare 400 tra pecore e capre per un valore di circa 40mila euro.

Stampa