Mons. Alfano: su Metropolis TV la diretta del Vangelo

Monsignor Francesco Alfano
Monsignor Francesco Alfano

Oggi, più che mai, è importante annunciare la Buona Notizia, attraverso tutti i mezzi di comunicazione sociale a nostra disposizione. Prosegue l’iniziativa da parte di Monsignor Francesco Alfano, Arcivescovo di Sorrento-Castellammare, della divulgazione tramite web e tv del Vangelo commentato. Per la seconda settimana, infatti, domani, 24 febbraio, II Domenica di Quaresima, su Metropolis TV (canale 669 del digitale terrestre) verrà trasmessa l’omelia. Metropolis TV trasmetterà il commento al Vangelo domenica alle ore 9 – 10 – 12,40 e la replica martedì 26 febbraio 2013  alle ore 10,20 e 11,46.

Il commento al Vangelo sarà consultabile anche sul sito diocesano www.diocesisorrentocmare.it ,sul sito di Metropolis, www.metropolisweb.it e su questo sito www.mezzogiornoedintorni.it

II domenica di Quaresima, 24 febbraio 2013. Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 9,28b-36.
Circa otto giorni dopo questi discorsi, prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. E, mentre pregava, il suo volto cambiò d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante.  Ed ecco due uomini parlavano con lui: erano Mosè ed Elia, apparsi nella loro gloria, e parlavano della sua dipartita che avrebbe portato a compimento a Gerusalemme. Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; tuttavia restarono svegli e videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui. Mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi stare qui. Facciamo tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli non sapeva quel che diceva. Mentre parlava così, venne una nube e li avvolse; all’entrare in quella nube, ebbero paura.  E dalla nube uscì una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo». Appena la voce cessò, Gesù restò solo. Essi tacquero e in quei giorni non riferirono a nessuno ciò che avevano visto.

Stampa